Più Limbiate meno cemento

2 maggio 2015

Un altro NO all’inceneritore di Pinzano

20140222-184201.jpg

 

Un altro NO all’inceneritore di Pinzano

Con decreto del 14.04.2015 la Provincia di Monza ha rigettato la domanda di autorizzazione che la Società ECOTRATTAMENTI per l’impianto di smaltimento di rifiuti di Pinzano.

Diniego pagina uno

Prima pagina del diniego

Diniego ultima pagina

Ultima pagina del diniego

 

Clicca qui per ottenere il PDF completo diniego

Dopo la sentenza del TAR Lombardia la ECOTRATTAMENTI adottò la strategia di ricorrere al Consiglio di Stato perché fosse riformata la sentenza del TAR ed inoltre presentò nuova domanda alla Provincia sulla base di una nuova procedura.

La situazione ora è questa:

il ricorso al Consiglio di Stato è in corso mentre sul nuovo diniego ECOTRATTAMENTI potrebbe presentare ricorso al TAR o alPresidente della Repubblica.

La vicenda è quindi ancora aperta.

Ma è indubbio che il recente diniego della Provincia è un passo importante verso la positiva conclusione di una vicenda che ci vede impegnati da quattro anni.

Raccogliendo l’invito del Presidente della Provincia, Ponti, daremo mandato agli avvocati del Comitato di collaborare con quelli della Provincia per la preparazione delle memorie da presentare prima dell’udienza del Consiglio di Stato che si terrà presumibilmente il prossimo autunno

9 marzo 2015

La Regione si costituisce contro l’inceneritore di Pinzano

20140222-184201.jpg

La Regione si costituisce contro l’inceneritore di Pinzano

Una buona notizia viene dalla Regione Lombardia che ha deciso di costituirsi in giudizio contro l’appello al Consiglio di Stato presentato da Ecotrattamenti srl per cercare di annullare la sentenza del TAR Lombardia che dava torto a tale società circa la pretesa di costruire un inceneritore a Pinzano.

Almeno non siamo soli.

La Regione Lombardia si costituisce in giudizio “ritenendo la sussistenza di un interesse diretto e concreto della Regione”.

  • Pubblichiamo la deliberazione della Regione del 26.02.2015

Il Comune di Limbiate cosa fa?

Il Comune invece decide di non costituirsi, ritenendo di non aver questo interesse e poi, siccome non si è costituito in giudizio presso il TAR, per coerenza, non si costituisce nemmeno davanti al Consiglio di Stato.

Insomma è un problema della Regione come se l’inceneritore si costruisse davanti al Pirellone.

E’ davvero difficile penetrare gli oscuri meandri cerebrali di questa amministrazione.

  • Pubblichiamo la deliberazione della Giunta comunale del 17.12.2014

Si spenderanno invece oltre 16.000 euro per presentare “opposizione tardiva” contro il decreto ingiuntivo che condanna il Comune a pagare circa 450.000 euro per lavori stradali di cui, sembra, non esistere documentazione.

Il Comune aveva buone ragioni per opporsi, ma siccome tutti hanno dormito, i termini sono decorsi, facendo diventare il decreto stesso sentenza definitiva.

 

Ora il Comune presenta opposizione tardiva che ai sensi dell’art. 650 del Codice di procedura civile può essere ammesso se si prova di non averne avuta tempestiva conoscenza per irregolarità di notificazione o per caso fortuito o forza maggiore.

L’articolo citato non ammette dubbi interpretativi.

C’è solo da sperare nella compassione del giudice che però potrebbe essere invocata, senza sforzo, a detta di tutti, direttamente da De Luca.

 

Pubblichiamo la deliberazione di Giunta e la determina di incarico del legale.

 

Deliberazione n. X/3166 del 26/02/2015 Giunta Regione Lombardia (Clicca sull'immagine per il PDF completo)

Deliberazione n. X/3166 del 26/02/2015
Giunta Regione Lombardia

(Clicca sull’immagine
per il PDF completo)

 

Delibera n. 212 del 17/12/2014 Comune di Limbiate (Clicca sull'immagine per il PDF completo)

Delibera n. 212 del 17/12/2014
Comune di Limbiate

(Clicca sull’immagine
per il PDF completo)

 

Delibera 207

Delibera n. 207 del 05/12/2014
Comune di Limbiate

(Clicca sull’immagine
per il PDF completo)

 

Determinazione S01 369

Determinazione n. S01/369 del 16/12/2014
Settore Servizi al Cittadino e Polizia Locale
Comune di Limbiate

(Clicca sull’immagine
per il PDF completo)

 

 

 

9 settembre 2014

Inceneritore di Pinzano: alcune precisazioni

Solo l’assessore Archetti ha il coraggio di mettere tanta enfasi nel difendere l’operato del sindaco e di questa amministrazione sulla vicenda dell’inceneritore di Pinzano. Noi che l’abbiamo seguita dall’inizio sappiamo delle ritrosie dell’Amministrazione.

Era come trainare un carro con il freno tirato.

Archetti

Il sindaco con atteggiamento pilatesco dichiarava nella Conferenza dei servizi, convocata dalla Provincia, di essere contrario sul piano politico, ma che la questione era in mano dei tecnici.

Non capiva che la posizione di contrarietà doveva essere costruita attraverso l’approfondimento tecnico e amministrativo del progetto di impianto.

Siamo alla fine di Luglio del 2011, il sindaco De Luca incontra qualcuno, gli mostra alcuni documenti riguardanti il progetto di inceneritore e dice:

“Oh, guarda che bello, e pensare che Romeo non voleva farlo fare”.

Così fummo informati del progetto.

Quello che Archetti definisce grande merito dell’Amministrazione è invece

frutto dell’azione dell’ex assessore Paride Tatti

che, in completo isolamento, manifestò pubblicamente contrarietà all’impianto di incenerimento di rifiuti a Pinzano, sollecitando la Polizia Locale ad effettuare un sopralluogo da cui emersero alcune violazioni commesse dalla società che furono doverosamente comunicate alla Procura della Repubblica.

A Dicembre la società ne dovrà rispondere.

La forte pressione esercitata dal Comitato con:

  • petizioni popolari
  • audizioni in Regione
  • manifestazioni di vario genere, fra cui assemblee pubbliche con l’intervento di      esperti di fama

ha costretto le varie amministrazioni competenti a trattare la questione con maggiore determinazione fino a quando la Provincia ha espresso parere negativo sulla costruzione dell’impianto.

Ecotrattamenti sul diniego chiese la sospensiva che non fu concessa dal TAR.

Anche rispetto a questo giudizio, il Comune ritenne di non costituirsi, considerando la questione di competenza della Provincia.

Si costituì ad adiuvandum il Comitato più Limbiate meno cemento, impegnando molte delle proprie risorse, ma con risultati positivi, visto l’esito del giudizio.

Mai l’Amministrazione comunale ha speso un euro per coadiuvare le diverse azioni legali che si sono intrecciate sulla questione inceneritore, lasciandola sempre in braccio alla Provincia e alla Regione come se l’inceneritore fosse un problema di Monza o di Milano e non invece di Limbiate.

Archetti mena vanto per non aver speso soldi in avvocati.

Il Comune non spende soldi per evitare che un impianto di quel tipo sia costruito a Limbiate, ma quanti se ne spendono inutilmente in avvocati su altre vicende di minor conto? Però non è una novità che il Comune rinunci a costituirsi parte civile su questioni molto importanti.

Ancora ci indigna la scelta di non costituirsi nel processo contro la ‘NDRANGHETA.

Nel primo incontro avuto con De Luca, immediatamente dopo la sua elezione, sollecitammo il sindaco a costituirsi.

Non lo fece, giustificandosi che non c’era stato il tempo.

Altri comuni il tempo lo trovarono.

Recentemente la Corte d’Appello ha confermato la sentenza di primo grado che condannava tutti i soggetti implicati nell’attività delle cosche in Lombardia e in Brianza.

La sentenza ha inoltre riconosciuto per danno la somma di 300.000 euro a ciascun comune costituitosi parte civile: Desio, Giussano, Paderno e Pavia.

A Regione Lombardia e alla Provincia di Monza e Brianza la somma riconosciuta è stata superiore.

Non chiediamo ad Archetti di “giocare con i soldi dei cittadini”, ma di usare tutti i mezzi di cui si dispone per mostrare da che parte sta il Comune.

Non è una semplice battaglia legale.

E’ prima di tutto una una forte operazione di comunicazione nei confronti di Ecotrattamenti.

Un’ ultima considerazione:

grazie Paride!

4 settembre 2014

IL COMITATO C’E’

Filed under: Ambiente, Comitato, Documenti, Gassificatore, inceneritore, Ricorsi — Tag:, , , , — piulimbiatemenocemento @ 6:00 AM

Il Sindaco chiama…

Lettera alle associazioni

Clicca sull’immagine per il PDF

 

… il Comitato risponde!

costituzione in giudizio Greenpeace

Clicca sull’immagine per il PDF

20 marzo 2014

Stop all’inceneritore di Pinzano

Filed under: Ambiente, Comitato, Gassificatore, inceneritore, politica — Tag:, , , , , — piulimbiatemenocemento @ 12:00 PM

20140222-184201.jpg

Il TAR della Lombardia ha respinto il ricorso presentato da  ECOTRATTAMENTI SRL avverso alla sentenza.

Ancora una volta per far sentire la voce dei cittadini di Limbiate, data l’indisponibilità del  Comune, incerto per non dire ambiguo sulla questione dell’inceneritore, abbiamo dovuto sostituirci ad esso, costituendoci in giudizio ad opponendum assieme a Regione Lombardia e Provincia di Monza Brianza.

L’assenza del Comune testimonia dell’incapacità dell’amministrazione comunale a comprendere l’importanza della questione.

Abbiamo vinto perché le ragioni, sotto tutti i punti di vista, erano valide e perché non è mai venuto meno il sostegno di migliaia di cittadini che nell’impianto di incenerimento vedono un pericolo.

La vicenda, però, non è conclusa.

La ECOTRATTAMENTI SRL con la nuova domanda presentata in Provincia tenta una nuova strategia che contrasteremo con la massima determinazione, anche se sappiamo che il Comune, ancora una volta,  non lo troveremo al nostro fianco.

Certamente, però, troveremo molti cittadini che con noi condividono le ragioni del no all’impianto di incenerimento e fin da ora li ringraziamo.

mappa-pinzano-21 a

17 marzo 2014

TAR: Stoppato l’inceneritore!!!

Filed under: Ambiente, Comitato, Documenti, Gassificatore, inceneritore, Ricorsi — Tag:, , , , , — piulimbiatemenocemento @ 1:15 PM

Il TAR, con sentenza nr. 667/2014 depositata lo scorso 14 marzo, ha respinto l’istanza di Ecotrattamenti riguardante l’inceneritore di Pinzano.

A breve pubblicheremo l’intera sentenza, con le relative motivazioni!

25 novembre 2013

NUOVA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INCENERITORE PINZANO

Logo

Ecotrattamenti ritorna alla carica

 

La Conferenza, indetta dalla Provincia di MB, si è resa necessaria a seguito della nuova domanda di autorizzazione per la costruzione  di impianto per il trattamento termico di rifiuti speciali presentata in agosto dalla Soc. Ecotrattamenti.

Non si è ancora conclusa la vicenda giudiziaria sulla prima richiesta  che già Ecotrattamenti apre un nuovo fronte.

Chiara la strategia della società: se va male davanti al TAR (è molto probabile), si ritorna alla carica con una nuova domanda.

Alla Conferenza hanno partecipato, oltre alla Provincia di MB, ARPA, ATO, ASL, VVFF e i Comuni di Senago e Limbiate.

A nome del Comitato +Limbiate-cemento ho chiesto di partecipare e presentare una memoria.

Come  al solito ho dovuto “insistere” perché la nostra delegazione potesse partecipare al completo.

Peggio è andata al consigliere Giulio Fossati, vicepresidente della commissione ambiente di Limbiate, che è stato ripudiato dal suo assessore Riccardo Alberti.

Abbiamo dovuto dichiarare che faceva parte della delegazione del Comitato per permettergli di partecipare.

Inutile commentare. Con certi “esemplari” di amministratori della nostra Giunta si perderebbe solo tempo.

La Conferenza, benché avesse carattere preliminare, ha messo in rilievo tutte le deficienze del progetto presentato da Ecotrattamenti come si potrà constatare dal verbale della Conferenza che pubblichiamo a parte.

Le critiche e le osservazioni mosse dai tecnici, soprattutto dell’ARPA e della Provincia, hanno messo in crisi i tecnici dell’azienda che relazionavano sul progetto.

Con la nostra memoria abbiamo sottolineato l’assurdità e la pericolosità di un nuovo impianto di trattamento termico dei rifiuti, collocato in zona urbanizzata, quando ormai è opinione generale che questa tecnologia deve essere superata per orientarci verso una gestione dei rifiuti impostata sui principi di riduzione, riciclo, riuso e recupero.

Del resto la moratoria regionale dichiara l’autosufficienza in materia di inceneritori sul territorio lombardo.

Abbiamo messo in rilievo che la normativa regionale inserisce il Comune di Limbiate in area critica e pertanto non consente attività insalubri.

Soprattutto ci premeva sottolineare che non parlavamo solo a nome del Comitato, ma anche per conto dei 2 mila cittadini che hanno sottoscritto la petizione contro l’insediamento dell’impianto di incenerimento a Pinzano e per conto di tutti quei cittadini che ci hanno sostenuto finanziariamente per il ricorso al  TAR contro Ecotrattamenti.

A questa Conferenza il Comune di Limbiate  è arrivato con il compitino fatto, finalmente, presentando una memoria che mostrava alcuni aspetti negativi del progetto, non solo dichiarando come nelle precedenti conferenze  una generica contrarietà di carattere politico.

Abbiamo apprezzato, ma che fatica per portare l’amministrazione De Luca a questo punto.

Ora la Ecotrattamenti ha tempo 90 giorni per rispondere e chiarire tutti gli aspetti critici del progetto.

Daremo conto dell’evoluzione della vicenda e non escludiamo alcuna iniziativa che si renderà necessaria per contrastare questo progetto che riteniamo nocivo.

Le nuove Memorie presentate per la Conferenza dei Servizi

Le nuove Memorie presentate
per la Conferenza dei Servizi

Il PDF completo delle Memorie depositate

18 novembre 2013

Ancora un grazie a tutti i presenti!!!

Filed under: Comitato, Gassificatore, Gestione risorse, inceneritore, patrimonio — Tag:, , , , — piulimbiatemenocemento @ 9:00 PM
cena131109

Un grazie a tutti quanti sono intervenuti

A cosa è servito questo ennesimo incontro gioviale???

Presto detto:

Questa è la parcella dell'avvocato per l'udienza presso il TAR

Questa è la parcella dell’avvocato per l’udienza presso il TAR

E questo è il bonifico della parcella!!!

E questo è il bonifico della parcella!!!

14 novembre 2013

Inceneritore di Pinzano, oggi il dibattimento. Unico assente il Comune di Limbiate.

Filed under: Ambiente, Comitato, inceneritore — Tag:, , , , — piulimbiatemenocemento @ 9:02 PM

Oggi presso il TAR Lombardia di Milano (via Corridoni), c’è stato il dibattimanto sul ricorso proposto dalla società Ecotrattamenti a seguito del diniego posto dalla Provincia alla richiesta di realizzazione dell’inceneritore di Pinzano.

Alle 12.15 davanti alla corte composta dai magistrati Giordano, Gatti, Santise sono comparsi :

  • Ecotrattamenti S.R.L. , rappresentata dall’avv. Musumeci,

  • Regione Lombardia, rappresentata dall’avv. Viviana Fidani,

  • Provincia di Monza e Brianza, rappresentata dall’avv. Elisabetta Baviera,

  • Comitato Più Limbiate meno cemento, rappresentato dall’avv. Claudia Gaudenzi.

Un tris di donne ha fatto fronte alle istanze portate avanti dal fante della società Ecotrattamenti volte a trovare una miglior definizione (impianto di coincenerimento n.d.r.) di quello che fuori dal linguaggio burocratese si definisce inceneritore.

Era inoltre presente il Comune di Senago, che in rappresentanza e a tutela dell’interesse dei propri cittadini ha inviato ad assistere il responsabile dell’ Ufficio Tecnico, l’architetto Maurizio Donadonibus.

Unico assente il Comune di Limbiate che ancora una volta ha mancato di rappresentare la propria cittadinanza .. se non fosse stato per la presenza del comitato più Limbiate meno Cemento (erano in aula il presidente Mauro Varisco e il consigliere comunale Mirko Fagone) ancora una volta Limbiate risultava assente.

Milano, 14 Novembre 2013.

8 novembre 2013

Conferenza dei Servizi per l’inceneritore di Pinzano

Ieri mattina è stata protocollata, presso la Provincia di Monza e Brianza, la richiesta di partecipazione  alla CdS del 21 novembre relativa a Ecotrattamenti ( Inceneritore di Pinzano).

CdS - Ecotrattamenti novembre '13

Older Posts »